A.P.S.P. Giudicarie Esteriori - Foto storica
Azienda » Storia

L'Azienda Pubblica di Servizi alla Persona "Giudicarie Esteriori", nata come Ospitale Ricovero di Santa Croce di Bleggio, ebbe origine tra mille difficoltà dalla Società omonima costituitasi nell'anno 1894, che contava cinquanta soci, il cui Statuto venne approvato dall'Autorità politica il 8 aprile 1895.

Come promotori dell'Istituzione si riconoscono il Parroco di Bleggio don Giovanni Battista Lenzi, che ne fu il preside fino alla morte avvenuta nel 1917 e don Giovanni Salvadori, deputato al Parlamento ed alla Dieta provinciale di Innsbruck. Come benefattori insigni vanno ricordati: il cav. Enrico Salvadori, il prof. Agostino Bonomi, il sig. Omobono Bonomi, il sig. Serafini Giuseppe, il dott. Andrea Baroni, il sig. Daniele Speranza, il sig. Angelo Serafini ed il sig. Luigi Lucchesa.

Uno degli ispiratori fu don Lorenzo Guetti, padre della Cooperazione trentina. L'Ente di beneficenza iniziò la sua opera, come ospedale, nell'anno 1903 e venne riconosciuto giuridicamente ai sensi del paragrafo 9 della Legge 15 novembre 1867 n. 134, dal cessato regime austriaco, con provvedimento 8 aprile 1895 n. 551 dell'i.r. consigliere aulico di Trento.

Nel 1913 al fabbricato originario venne aggiunta una seconda ala e cos� pur nel 1933 per ospitare un reparto per la cura di ammalati tubercolotici, che venne poi chiuso nel 1964. Lo Statuto approvato il 21 agosto 1927 riconduce l'Istituzione verso gli scopi originari. Con Regio Decreto 26 novembre 1931 la Societ� venne eretta in Ente morale quale Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza con la denominazione "Societ� ospedale di Santa Croce Bleggio in Giudicarie". La Regia Prefettura di Trento con decreto n. 44467/5 di data 3 marzo 1939 classificava questo Istituto: "Infermeria mista".

Foto storicaNel 1968, causa la chiusura del reparto per tubercolotici e la presenza sul territorio dell'Ospedale di Tione di Trento che ridussero sensibilmente le presenze tanto da mettere in discussione la sopravvivenza dell'Istituzione, grazie al coraggio ed alla lungimiranza del socio sig. Senatore Bellotti, che poi assunse la Presidenza del Consiglio di Amministrazione, venne proposto di modificare l'attivit� da Infermeria mista, societ� privata, in Casa di Riposo, ente di diritto pubblico, per non chiudere un'Istituzione tanto benefica di assistenza ed al fine di soddisfare le richieste e le necessit� della popolazione delle Giudicarie Esteriori.

Tutto ci� venne definito con lo statuto approvato il 6 luglio 1969 con il quale venne stabilita anche la nuova denominazione di "Casa di Riposo delle Giudicarie Esteriori". Lo statuto approvato il 27 gennaio 1989, integrato il 19 gennaio 1990 e modificato il 21 settembre 1992 si adegu� alla norme previste dalla Legge Regionale nr. 20 del 26 agosto 1988 e cambi� la denominazione in "Casa di Soggiorno per Anziani delle Giudicarie Esteriori" per meglio rispondere alle nuove esigenze in materia di servizi offerti.

Nell'aprile del 1969 la Casa venne dotata di un moderno impianto di lavanderia e stireria con il concorso di contributi ricevuti dalla Regione Trentino Alto Adige e dal Consorzio B.I.M. di Tione di Trento. Nel 1977 si conclusero i lavori di ampliamento della struttura con la costruzione di un nuovo fabbricato collegato con quello di inizio secolo.

Dal 1982 in poi si sono susseguiti una serie di interventi di ristrutturazione e riqualificazione su entrambi i fabbricati, anche in adeguamento a norme e prescrizioni di legge, per soddisfare al meglio le necessit� dell'utenza e che hanno portato all'attuale situazione. Oltre a ci� � stato sistemato lo spazio esterno adiacente l'edificio con la realizzazione di parcheggi auto e di un parco destinato alle persone residenti ed ai visitatori.

Il servizio di assistenza dal 1903 in avanti era sempre stato affidato all'Istituto religioso delle "Sorelle della Misericordia" di Verona che si sono prodigate con amore e spirito caritatevole alla cura dei ricoverati progressivamente supportate in maniera sempre maggiore, a partire dagli anni ottanta in poi, dal personale laico. Con estremo dispiacere, a causa del considerevole calo delle vocazioni religiose, hanno dovuto lasciare l'Ente nel 1996. A decorrere dal 1 Gennaio 1999 l'Ente � stato accreditato dalla Giunta Provinciale di Trento come "Residenza Sanitaria Assistenziale" operando a pieno titolo nel sistema socio assistenziale provinciale.

Nel corso degli anni l'evoluzione della cultura socio sanitaria e assistenziale e l'affermarsi di nuovi modelli gestionali hanno portato l'Ente, al fine di riuscire a rispondere in maniera efficace ed efficiente ai bisogni ed alle esigenze dell'utenza in continua evoluzione, a ricorrenti trasformazioni, cambiamenti ed adeguamenti strutturali, organizzativi che dal punto di vista ricettivo.

Dalla trasformazione della preesistente Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza "Casa di Soggiorno per Anziani delle Giudicarie Esteriori" con Legge Regionale 21 settembre 2005 n. 7 - "Nuovo ordinamento delle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza - Aziende Pubbliche di Servizi alla Persona" e relativo Regolamento per il riordino delle I.P.A.B. approvato con D.P.R 13 aprile 2006 nr. 3/L, nasce l'A.P.S.P. "Giudicarie Esteriori"

© 3D service